I VIGILI URBANI di NOVARA

   Il corpo dei VVU  rappresenta uno dei bracci del Comune di Novara e pertanto ASTREA è interessata ad esso laddove trattasi di verificarne la efficienza e la trasparenza. Va comunque premesso che questa associazione riconosce la serietà e la professionalità di tutti i vigili urbani che svolgono un servizio sociale degno del massimo rispetto. Pertanto ogni eventuale osservazione che è e sarà fatta sull'operato del corpo dei VVU di Novara non prescinde dal rispetto per le donne e gli uomini che lo compongono.

  ASTREA ha effettuato delle analisi sulle contravvenzioni elevate dai VVU che sono state divulgate anche mediante l'uso di tabelle grafiche. Periodicamente richiede dei dati che vengono poi attentamente analizzati e valutati.

  A volte la nostra associazione interviene per casi che potrebbero sembrare marginali ma che ci pare opportuno segnalare in quanto riteniamo che spesso è curando anche le piccole cose che si è più vicini ai Cittadini. Un caso per tutti potrebbe essere quello accaduto in seguito al ritrovamento di una bicicletta rubata da parte di un Cittadino; il comportamento tenuto in questo caso dai VVU è forse stato non abbastanza lineare e comunque non efficiente quanto avrebbe potuto e dovuto essere. A peggiorare la situazione poi provvede lo stesso comandante con una risposta più che deludente; infatti a voler seguire alla lettera quanto indicato in tale risposta, se un Cittadino dovesse rinvenire per strada una gabbia contenente un coniglio, avrebbe "l'obbligo di consegna senza ritardo al Sindaco". Francamente non è questa la risposta che si meritano i Cittadini di Novara e non si crede che l'ufficio del Sindaco debba essere trasformato in una sorta di deposito di oggetti smarriti.

   Il presidente Camaschella il 06/05/95 invia al comando VVU una proposta-richiesta - non presa in considerazione - di rendere più sicuro l'attraversamento dei pedoni in viale Dante nei pressi di largo don Minzoni.

   Il presidente Giustetto il 19/01/98 invia una lettera al Corriere di Novara con la quale invita il Primo Cittadino ad adoperarsi affinché "La polizia municipale sia vero organo di polizia".

   Argomento molto sentito dai Cittadini è la istituzione dei Vigili di quartiere. Essi dovrebbero avere la funzione di punto di contatto diretto e permanente fra i Cittadini e l'amministrazione comunale. Dovrebbero quindi "girare" per i quartieri di loro pertinenza ed, all'occorrenza, intervenire? No non è così che l'amministrazione comunale intende la funzione del vigile di quartiere; infatti l'assessore al personale Paolo Bensi si affretta a dichiarare al Corriere di Novara in data 8/10/98 "Lungi da noi l'idea di creare una figura simile al bobby inglese. I vigili di quartiere non avranno compito di fare ronde o cose del genere. La loro funzione sarà quella di fungere da trait d'union tra l'amministrazione comunale, i CDQ e il territorio; avranno compiti di responsabilità e di coordinamento delle attività ....." Bene, abbiamo creato altri burocrati. Ed i Cittadini ?

   In data 04/05/99 ASTREA invia una richiesta di informazioni che è la prima di una serie prevista e necessaria per avere e quindi fornire ai Cittadini una più chiara visione dell'attività svolta dal VVU di Novara. Il 23/06/99 la comandante Antonella Colella risponde alle richieste di ASTREA.

Doveri degli Agenti di Polizia municipale in quanto agenti di P.S.
   Un grave fatto accaduto il 15/02/2000 ha richiesto l'intervento di ASTREA. Si tratta di uno spiacevole episodio accaduto ad una Cittadina iscritta alla nostra associazione: ad una richiesta di aiuto rivolta ad una pattuglia di VVU essa ha ottenuto un rifiuto. Tale diniego di assistenza secondo il parere di ASTREA non era consentito, anzi si sarebbe trattato di una grave omissione. I fatti sono dettagliatamente descritti in una pubblica denuncia che sulle prime viene intesa dal Sindaco di Novara come una mossa di carattere politico; in seguito, anche grazie ad un incontro chiarificatore chiesto dalla stesso Primo Cittadino ed accettato con piacere da ASTREA, la vicenda viene chiarita e la nostra denuncia riconosciuta dotata di fondamento. I due VVU sono stati richiamati dal Sindaco al loro dovere; non sappiamo se l'accaduto possa aver generato punizioni contro i vigili responsabili; non era questo lo scopo della denuncia, bensì di sensibilizzare il comando dei VVU affinché impartisse chiare disposizioni ai vigili di pattuglia, cosa che evidentemente non era stata fatta almeno con i due in questione.Il Comandante dei VVU alla nostra richiesta di conoscere i compiti dei suoi subalterni in materia di interventi in situazioni di perturbazione dell'ordine pubblico e di violenze nonché di molestie nei confronti dei Cittadini, risponde che "il quesito deve essere rivolto all'Amministrazione comunale nella persona del Sindaco". ASTREA, astenendosi dal commentare la risposta dei comando VVU, per non creare inutili polemiche (che peraltro la nostra associazione si premura sempre di evitare), ripropone dunque la stessa domanda al Sindaco. Finalmente giunge la risposta ad i nostri quesiti ed il caso in questione può definirsi chiuso. Il documento sarà ora utile a qualsiasi Cittadino per far valere i propri diritti nei confronti dei VVU. Siamo comunque certi che, a seguito della nostra denuncia pubblica e del "putiferio" che ha scatenato, episodi come quello sollevato da ASTREA non potranno più accadere.
La stampa ha dato grande eco ai fatti: vedasi a proposito la rassegna stampa.
Dopo questa vicenda chi scrive ha effettuato una semplice ricerca sulla rete per reperire una immagine da inserire nella home page come link a queste note. Potete immaginare la meraviglia di trovare unitamente all'immagine una precisazione: "Quando lavora, il Vigile Urbano è anche Agente di pubblica sicurezza come i componenti della polizia o dell'Arma dei Carabinieri e può operare per prevenire o reprimere reati. In questa veste ha la qualifica di Agente di Polizia giudiziaria.
http://www.comune.bitritto.ba.it/serv9.htm è l'indirizzo web e corrisponde ad una pagine del sito del Comune di Bitritto, in provincia di Bari
. In caso di impossibilità a raggiungere la pagina, ne abbiamo una copia.

 

   torna alla home page di ASTREA