2006
elezioni comunali di Novara 

 

ASTREA, in conformità al proprio oggetto sociale, così come già fatto per le elezioni regionali 2000 e per le due precedenti elezioni comunali, offre ai Cittadini novaresi la possibilità di avere dei dati omogenei e quindi facilmente comparabili sui candidati. Ciò per agevolare la scelta a prescindere da ragioni di schieramento o di simpatia. 
I Cittadini sono chiamati ad eleggere chi li guiderà per i prossimi 5 anni e pertanto hanno il diritto - e forse anche il dovere - di avere una idea quanto più precisa possibile di come sarà retto il timone ovvero di come il candidato cui andrà il loro voto, se eletto, si comporterà in certe ben precise situazioni. I programmi elettorali spesso sono comprensibili solo da pochi esperti e comunque sono generici e studiati in modo da non impegnare il candidato in modo assoluto, lasciando una via di fuga in caso fosse impossibile realizzarli. Inoltre passate le elezioni non se ne parla più.

ASTREA pertanto ha ideato una strategia che renderà difficile se non impossibile al neo eletto dimenticare le promesse elettorali, dando ai Cittadini la speranza che la loro fiducia non sarà disattesa. Il metodo è il seguente:
Individuare dei problemi (carenze, disfunzioni, etc.) di interesse generale e chiedere ai candidati di indicare in modo chiaro e preciso quali sono le loro ricette per risolverli o quantomeno attenuarne gli effetti negativi.
Diffondere le risposte fornite dai candidati prima delle elezioni.
Verificare, durante il mandato di chi sarà eletto il mantenimento dei suddetti impegni rendendone pubblici gli esiti.

Ecco quindi i quesiti posti a tutti i candidati alla carica di sindaco per il quinquennio 2006 - 2010.