prot. 158/01

Novara 31/03/01

Alla c.a. dei candidati per l’elezione del Sindaco della Città di Novara

epc agli organi d’informazione cittadini

oggetto: I quesiti di ASTREA

 

Come di consuetudine, in aderenza al proprio oggetto sociale, con occasione delle tornate elettorali locali (città, provincia, regione), ASTREA interroga pubblicamente i candidati su questioni strettamente pertinenti l’efficienza e la trasparenza nelle funzioni amministrative che saranno chiamati a svolgere.
I quesiti sono affidati alla cortesia dei candidati per quanto concerne le risposte che saranno diffuse agli organi d’informazione cittadini, inserite in apposita pagina del sito internet di ASTREA (www.astrea.it) e dovranno pervenire come da nota in calce.
A tutti i candidati è inoltre offerto da ASTREA, sullo stesso sito, uno spazio, identicamente uguale per ognuno, per illustrare liberamente la propria proposta elettorale con le modalità comunicate a parte.

Si dà seguito agli otto quesiti.

Distinti saluti.

 

ASTREA
il presidente
Piersaverio Ar

 

PS Modalità di presentazione: esclusivamente su supporto magnetico (floppy da 3,5 pollici, oppure CD, oppure (è preferibile) via Email ad astrea@msoft.it); file tassativamente in formato per PC (testo oppure Word);

Termine di presentazione: ore 24 di martedì 17 aprile 2001 per documenti spediti per posta elettronica; ore 19 di martedì 17 aprile 2001 per supporti elettronici consegnati a mano o per posta. Con i floppy od il CD va aggiunta una stampa dei documenti.

NOTA: per le risposte ai quesiti il termine è stato posticipato al 30/04, con pubblicazione contestuale dal 04/05.


primo quesito
I progetti che interessano edifici pubblici comunali, espressi dall’Ufficio Tecnico del Comune, non vengono attualmente sottoposti all’esame della Commissione Edilizia prima della loro messa in esecuzione.
Con il mancato controllo di congruità degli interventi sul patrimonio edilizio comunale da parte dei qualificati componenti di detta commissione - che invece vigilano sui progetti proposti dall’edilizia privata - , non si è quindi potuto evitare, ad esempio, conseguenze di estrema serietà su un edificio (casa Bossi).
Ritiene di dover stabilire la regola di assoggettamento di tutti i progetti afferenti il patrimonio edilizio del Comune alla Commissione Edilizia Comunale, anche se a ciò non vi è obbligo di legge? E stabilire, se del caso, percorsi prioritari per eliminare eventuali ritardi nella esecutività facilmente imputabili, in seguito, ad una lentezza di esito dell’esame?

secondo quesito
La Città è insopportabilmente sporca, per unanime ammissione .
Ogni cassonetto per la raccolta dei rifiuti è diventato, per una perversa ineducata interpretazione, un centro indifferenziato di discarica.
Ciò che veniva accumulato all’interno dei cortili, prima della scelta tecnica di collocare i rifiuti in contenitori su suolo pubblico in attesa di raccolta, o di conferirli in modo ordinato ed organico nei luoghi e con le modalità proposte, ora è sparso per le strade.
Poiché è presumibile, al di là di ottimistiche previsioni, che sempre vi sarà una percentuale di comportamenti incivili nell’eliminare i rifiuti, come pensa di procedere per evitare a Novara la competizione tra le Città più sporche d’Italia?

terzo quesito
Novara non è certamente povera di aree verdi, se pure nella crescita della città la loro ubicazione non sempre ha potuto avere una distribuzione armonica.
Si constata tuttavia che spesso i nuovi impianti, dopo l’inaugurazione, subiscono un abbandono (come i precedenti). Questo abbandono, dopo qualche anno induce a disporre un totale rifacimento, con un onere pari se non superiore a quello di un nuovo impianto.
Ciò è conseguenza di mancato intervento di manutenzione conservativa in cui non vanno ricompresi soltanto le potature ed il taglio dell’erba, bensì ad esempio anche la sostituzione delle essenze morte ed il ripristino delle zone danneggiate nell’area oggetto di manutenzione.
Ritiene opportuno stabilire ed avviare una manutenzione programmata e sistematica per tutto il verde esistente in via prioritaria rispetto a nuovi impianti ? E nell’eventualità con quali termini e cadenze?

 

quarto quesito
Il Vice Sindaco ed Assessore all’Edilizia Privata, in una recente risposta indiretta ad ASTREA, ha detto che vi sono altre priorità rispetto a quella di far applicare uno specifico regolamento comunale.
(La Stampa 17/03/2001: VIA LE PARABOLE ABUSIVE. LA MORATORIA E’ SCADUTA. “ ..ogni giorno ci sono altre e più importanti priorità..”)
Considera che la credibilità di una Amministrazione possa prescindere dal far rispettare sempre e comunque i regolamenti da essa stessa emanati e che possa tacitamente configurare priorità e deroghe nel loro rispetto ed applicazione?

 

quinto quesito
Come noto i Vigili Urbani sono a tutti gli effetti forze di polizia assimilabili agli Agenti di Pubblica Sicurezza.
Vista la crescente richiesta di tutela da parte dei Cittadini, in particolare nelle ore serali e notturne. ha in programma qualche forma di integrazione del servizio di pattugliamento notturno svolto attualmente da Polizia e Carabinieri?

sesto quesito
Comunicherà la composizione della Sua Giunta (profili, nominativi) prima delle votazioni, oppure prima dell’eventuale partecipazione al ballottaggio, oppure ad eventuale elezione avvenuta?

settimo quesito
Crediamo possa convenire che lo stato del piano viabile e dei marciapiedi delle strade di Novara non sia certamente buono, o anche solo accettabile, sia nel centro cittadino che nella zone più decentrate.
Da sempre il Cittadino rileva che la manutenzione straordinaria delle strade urbane subisce un notevole impulso in prossimità della convocazione dei comizi elettorali, mentre, in molte situazioni, vi è - per anni - uno stato di completo abbandono che comporta l’aggravarsi dell’ammaloramento fino alla esigenza di interventi radicali.
Ritiene di ripristinare un servizio di costante piccola manutenzione diffusa sul territorio o considera più pertinente o conveniente il rifacimento totale dei piani viabili al momento del loro maggior degrado?

 

ottavo quesito
Le ultime Amministrazioni Comunali hanno lodevolmente dotato la Città di un significativo numero di piste ciclabili per un altrettanto importante chilometraggio.
Tuttavia esse sono scarsamente utilizzate perché spesso la loro segnalazione è del tutto scomparsa per mancanza di qualsiasi manutenzione dopo il primo tracciamento. In altro caso la pista ciclabile realizzata manca assolutamente di indicazione della sua stessa esistenza. (Da quattro anni una associazione ciclistica novarese chiede inutilmente che venga posata la segnaletica verticale per la nuova pista di viale Dante.)
Manca comunque una organica indicazione per gli utenti circa la continuità dei percorsi, gli inserimenti o le uscite dalla viabilità aperta agli altri mezzi.
Con quale priorità ritiene che la normalizzazione di questa situazione sia da affrontare ed in quali tempi? E in tale normalizzazione si inserisce un potenziamento di funzionalità dell’Ufficio Riqualificazione Mobilità Urbana e relativa valorizzazione del suo compito?

 

 

torna alla home page di ASTREA