cart_int.gif (14439 byte)

Novara, li 13/10/1998
prot. 23/98

Illustre Ordine degli Architetti delle prov. di Novara e V.C.O.
Via F.lli Rosselli, 10
28100 Novara

 

OGGETTO: Casa Bossi

Il Consiglio Direttivo della nostra Associazione ritiene siano noti all’Illustre Ordine a cui si permette di rivolgersi l’interesse costante ed i numerosi interventi volti ad evitare il definitivo abbandono alla completa rovina dell’edificio "Casa Bossi", di cui non è certo necessario ricordare il pregio in questa sede.

Neppure lo stimolo di stanziamenti da parte della Regione Piemonte (1 miliardo di lire con delibera n.436 del Consiglio Regionale del Piemonte del 19/2/97 ed ulteriormente 1 miliardo di lire con Decreto della Giunta Regionale del Piemonte n.174-20903 del 6/8/97, che provvede anche per il castello di Lagnasco) ha per ora ottenuto una celerità decente nell’iter operativo: non abbiamo informazioni, per ora, circa la gara di appalto per il risanamento ed il restauro della copertura.

Fummo facili profeti, quattro mesi fa, nel pronosticare che le piogge autunnali sarebbero arrivate a peggiorare l’ammaloramento dell’edificio attraverso il tetto dissestato.

Abbiamo rilevato, con conseguente allarme, che la relazione che precede il "Progetto definitivo per il risanamento e restauro coperture" redatto dalla Direzione Lavori – Servizio progettazione Fabbricati del Comune di Novara è stata copiata da un lavoro precedente, senza citare la fonte (attendiamo risposta del Sindaco in merito).

In questi giorni, dopo le segnalazioni apparse sul Corriere di Novara, abbiamo constatato con quale diligenza ed osservanza delle disposizioni di legge vengono eseguiti lavori su un edificio pubblico (asilo S. Lorenzo) il cui pregio indiscutibile è per lo meno degno di rispetto. (A nostro avviso l’impalcatura stessa è priva delle caratteristiche richieste dalle norme antinfortunistiche, quindi irregolare).

Siamo allarmati, quindi, per aver riflettuto che, se le premesse saranno riscontrabili nelle azioni successive, non finiremo di tremare per la sorte di Casa Bossi quando sarà assoggettata ai previsti lavori.

Chiediamo aiuto!

Chiediamo all’Illustre Ordine degli Architetti di concorrere alle azioni di attenzione e stimolazione delle Autorità, dei Preposti degli Uffici Comunali, dalla Pubblica Opinione, verso "uno dei più bei palazzi patrizi", che già nel 1993 l’Arch. Gregotti dichiarava imperdonabilmente "abbandonato e lasciato cadere in rovina" ("Novara Più", 2 (1993), p.47).

Restiamo in fiduciosa attesa di un V/ tangibile segno di partecipazione.

Grazie.

Il Presidente
Terenzio Giustetto

 

  torna alla home page di ASTREA